Demo
  • Home
  • Iniziative
  • Iniziative

Camerun liberati i due sacerdoti vicentini rapiti

Sacerdoti liberati

Sono stati liberati i due sacerdoti vicentini “fidei donum” don Giampaolo Marta e don Gianantonio Allegri e la religiosa canadese, suor Gilberte Bussiére, della Congregazione di Notre-Dame di Montreal, rapiti il 4 aprile scorso in Camerun. Ne dà notizia Radio Vaticana.

I tre religiosi erano stati prelevati da due gruppi armati nelle loro abitazioni nella diocesi di Maroua, nel Nord del Paese. La liberazione dei tre religiosi, sottolinea il direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi, “è una notizia che ci riempie di gioia. Il Santo Padre, che fin dall’inizio aveva seguito la drammatica vicenda, ne è stato tempestivamente informato. Ringraziamo il Signore perché questa vicenda è giunta a una conclusione positiva’’.

“Allo stesso tempo - prosegue padre Lombardi - continuiamo a pregare e a impegnarci perché ogni forma di violenza, odio e conflitto nelle diverse regioni dell’Africa e nelle altre parti del mondo possa essere superata, e rinnoviamo il ricordo e l’impegno per le molte altre persone innocenti di diversa condizione ed età che, come ben sappiamo, rimangono vittime di inaccettabili sequestri in diversi luoghi di conflitto’’.

“Don Giampaolo e don Gianantonio saranno a casa stanotte. Bentornati e un abbraccio alle loro comunità e ai loro amici’’.

S.E. Mons.GIOVANNI D’ERCOLE

Braceschi immagine

Padre Pasquale,

ieri 16 Maggio, nel pomeriggio mi sono recata nella CHIESA di OGNISSANTI per la SANTA MESSA a SAN LUIGI ORIONE, nel giorno della Sua Santa Festa.

La SANTA MESSA e’ stata celebrata dal VESCOVO Orionino, Mons.GIOVANNI D’ERCOLE.

Durante l’omelia ha raccontato che la sua VOCAZIONE fu merito di un SACERDOTE, DON PIETRO BRACESCHI.

Puo’ immaginare come mi sono sentita mi sono dovuta mettere gli occhiali scuri da sole, per non far vedere alle persone che avevo accanto che stavo piangendo. Ho pensato fortemente alla nostra BEATA MAMMA ROSA, che per suo merito aiuto’ DON PIETRO BRACESCHI donandogli il corredo, essendo tanto povero, per poter accedere al Seminario, e diventare SACERDOTE. Terminata la SANTA MESSA, ho aspettato che uscisse il VESCOVO, dalla Sacrestia, prima della PROCESSIONE, e gli ho donato la CORONA di MAMMA ROSA, e la NOVENA, spiegandogli brevemente questa bella Storia.

Mi ha ringraziato, e poi mi sono unita alla PROCESSIONE tanto contenta e felice, con le lacrime che scendevano ancora. PREGAVO, RINGRAZIANDO il BUON DIO, DON ORIONE, DON PIETRO BRACESCHI, la BEATA MAMMA ROSA, per questi DONI PREZIOSISSIMI, come rose profumate che arrivavano dal SANTO PARADISO, per tutti noi.

Leggi la storia di Don Pietro Braceschipdf

Festival Biblico

    Festival biblico marola   scarica locandina pdf

Conversazione
venerdì 23
h 20.30
Chiesa Presentazione
del Signore
V.le della Vittoria, 52
“I discepoli di Emmaus”
“Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù in persona...”(Lc.24,13-35)
lettura biblica con commento
Carlo Ghidelli biblista e arcivescovo emerito di Lanciano-Ortona
il luogo degli incontri ospita l’urna della Beata “Mamma Rosa” Eurosia Fabris (1866-1932),
patrona della famiglia e dei catechisti, beatificata il 6 novembre 2005
evento trasmesso in diretta da Radio Oreb dalla chiesa di Marola

Conversazione
domenica 25
h 15.30
Chiesa Presentazione
del Signore
V.le della Vittoria, 52
“In famiglia: raccontarsi per riconoscersi”
Giuseppe Butturini docente di storia della chiesa Univ. Padova e presidente
nazionale Famiglie numerose e Raffaella Mascherin in dialogo con il pubblico
il luogo degli incontri ospita l’urna della Beata “Mamma Rosa” Eurosia Fabris (1866-1932),
patrona della famiglia e dei catechisti, beatificata il 6 novembre 2005
evento trasmesso in diretta da Radio Oreb dalla chiesa di Marola


Conversazione
martedì 27
h 20.30
Chiesa Presentazione
del Signore
V.le della Vittoria, 52
“ Internet e social media:
un nuovo racconto della vita?”
dialogo per giovani e meno giovani sulle nuove tecnologie e social network
Carlo Meneghetti esperto in media education e Gruppo Giovanissimi di Marola
il luogo degli incontri ospita l’urna della Beata “Mamma Rosa” Eurosia Fabris (1866-1932),
patrona della famiglia e dei catechisti, beatificata il 6 novembre 2005
evento trasmesso in diretta da Radio Oreb dalla chiesa di Marola

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

  Accetto cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information