Demo

Francescana

            Un secondo punto di convergenza tra san Francesco e Mammarosa mi pare di trovarlo nel frequente riferimento al paradiso. E’ attribuita Francesco, se non vado errato, la frase: “E’ tanto il bene che mi aspetto che ogni pena mi è diletto”. Dal canto suo Mammarosa un giorno ebbe a dire: “Non vi angustiate per queste cose. Già dobbiamo lasciar tutto in questo mondo. Se pensassimo di più al Paradiso, non si litigherebbe tanto per queste povere cose di quaggiù”.

            Personalmente mi pare di poter individuare qui un altro segno della fantasia di Dio nella vita di mamma Rosa. Se è vero, infatti, che è stato papa Giovanni Paolo II a scoprire i segni della santità in Mammarosa   e che è stato papa Benedetto XVI a volere che fosse proclamata beata, a mio avviso è altrettanto vero che mamma Rosa condivide con papa Francesco questo carisma francescano che papa Bergoglio, non senza destare grande meraviglia in tutti, ha voluto fare suo e sta proponendo al mondo intero come sua scelta preferenziale.

            A proposito di papa Francesco, mi sia consentito di sostare un momento per dare il giusto rilievo che si meritano alcune sue scelte, totalmente improntate alla povertà francescana. Scelte che non risalgono certamente ad una ricerca di singolarità, e tanto meno ad un capriccio personale, ma ad una precisa volontà di vivere il Vangelo alla lettera, proprio come aveva deciso san Francesco d’Assisi. Con lui vogliamo camminare, per lui dobbiamo pregare. Ora capisco perchè Mammarosa diceva ai suoi figli: -Prima dobbiamo pregare per la Chiesa e per il Papa e poi chiederemo al Signore le grazie di cui sentiamo di avere bisogno.

            Di papa Francesco potremmo dire molte altre cose, ma una mi preme dire: la sua volontà di riformare la Chiesa, purificandola da non poche sue deficienze per riportarla a quella bellezza spirituale alla quale pensava già l’apostolo Paolo, quando scrivevasi cristiano della città di Efeso: “per presentare a se stesso la Chiesa tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata” (Efesini 5, 27). Se il nuovo vescovo di Roma, con grande sorpresa di tutti, ha voluto scegliere il nome di Francesco, lo ha fatto anche per questo. Non aveva detto il Signore a Francesco d’ Assisi, in un sogno divenuto famoso: “Francesco, va’ a riparare la mia Chiesa”?

+ Carlo Ghidelli, vescovo emerito di Lanciano

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

  Accetto cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information